Alberto de Simoni Giustino Renato Orsini
(Morbegno, 17 giugno 1883 - Milano, 3 gennaio 1964)
Stemma Paravicini


Data: 10/02/1628

Tipologia atto: Instrumentum venditionis

Luogo: Bormio

Notaio rogante: Viviani (de Vivianis), del comune di Bormio, S. N.: Francesco fu ser Pietro.

Pronotai: -

Regesto: 1628 febbraio 10, Bormio.

Instrumentum venditionis.

Gio. Pietro figlio separato di ser Damiolo Fedrici di Bormio avente azione dagli eredi di D. Ambrogio Venosta di Vervio per il fitto di cui sotto come al rogito di D. Gio. Battista Robustelli di Tirano del **.XI.1627 vende a ser Giovannino fu ser Giovannino Nesinae di Bormio agente solo a nome del fratello ser Antonio un fitto di L. 8 s. 10 parte di uno di L. 30 che si presta dai fratelli Tonio e Lorenzo fu Bartolomeo del Armel di Morignone, mentre il resto di tale fitto indiviso col compratore, che lo ebbe dal caneparo della Fabbrica della Collegiata dei SS. Gervasio e Protasio, a cui era pervenuto in seguito ad esecuzione nei confronti di detti eredi Venosta.
Prezzo di L. 135 in contanti.

Atto nella sta dell'abituale residenza del M. Rev. S.T.Dr. D. pbr. Lorenzo, fratello del compratore.

Testi:
D. Odorico fu D. Sebastiano Alberti di Bormio,
Gio. Pietro e Conforto fratelli fu Mr. Sebastiano del Cusino di Livigno, ambo ab. a Bormio.

S. N.
Francesco fu ser Pietro Viviani del comune di Bormio.