Alberto de Simoni Giustino Renato Orsini
(Morbegno, 17 giugno 1883 - Milano, 3 gennaio 1964)
Stemma Paravicini


Data: 27/11/1609

Tipologia atto: Instrumentum venditionis, locationis et gratiae

Luogo: Bormio

Notaio rogante: Romani (de Romanis), di Bormio, S. N.: Giovanni Battista fu Mr. Gottardo Tirognini.

Pronotai: -

Regesto: 1609 novembre 27, Bormio.

Instrumentum venditionis, locationis et gratiae.

Giovanni fu Antonio del Turchatto de Gaveriis di Piazza, vallata di Cepina, confessa che giÓ da quattro anni ha ricevuto in mutuo da ser Giovannino fu Lorenzo Nesine di Morignone L. 100 in contanti da restituire a beneplacito del mutuante, ma ora non riuscendo chiede a ser Giovannino di voler accettare cauzione su tutti i suoi beni e scioglierlo dal debito e ser Giovannino cupiens rem gratam facere dicto Johanni amicho suo si contenta; Giovanni ringrazia e vende a ser Giovannino i beni stabili sia presenti che futuri sia in monte che in plano ed ogni miglioramento e regresso su quelli superabundantibus a fictis primorum pationorum.
Prezzo L. 100.
Ser Giovannino investe in enfiteusi Giovanni al fitto a S. Michele di L. 6 in contanti da consegnare a casa del Nesina a Bormio, salvo consegna a sue spese; con grazia pagando spese notarili, arretrati e ratei di interessi.

Atto nella stupha magna del palazzo di Bormio.

Testi:
D. Bernardo fu D. Gio. Bartolomeo de Mariolis,
D. Gio. Pietro fu D. Giovanni de Zenonibus,
ser Leonardo fu Mandino de Zuchis, tutti di Bormio.

S. N.
Gio. Battista fu Mr. Gottardo Tirognini Romani di Bormio.