Alberto de Simoni Giustino Renato Orsini
(Morbegno, 17 giugno 1883 - Milano, 3 gennaio 1964)
Stemma Paravicini


Data: 11/03/1609

Tipologia atto: Instrumentum venditionis

Luogo: Bormio

Notaio rogante: Romani (de Romanis), di Bormio, S. N.: Giovanni Battista fu Mr. Gottardo Tirognini.

Pronotai: -

Regesto: 1609 marzo 11, Bormio.

Instrumentum venditionis.

Vasino fu Franceschino Tonii Pelloni di Cepina vende a ser Giovannino fu Lorenzo Nesine di Morignone un fitto perpetuo di L. 17 Ż che prestano i seguenti tre massari: L. 7 Bona fu Giovanni Bone di Santa Maria Maddalena, vallata di Cepina, su beni obbligati a rogito D. Romerio Grosini del 2.IX.1600; L. 3 d. 10 Giacomo fu Tonio del Culturo di Santa Maria Maddalena; L. 7 Margherita fu Zane del Culturo di S. Maria Maddalena su beni obbligati a rogito del notaio infrascritto del 10.I.1605, e dei diritti di cui agli instrumenti citati sopra, salve restando le locazioni e le grazie per i massari: instrumenti consegnati a ser Giovannino.
Prezzo L. 250.

Atto nella stŘa della casa del monacus (sacrestano) della chiesa di S. Maria di Cepina sita prope et de subtus detta chiesa.

Testi:
Romerio fu Domenico olim Giacomo Donati Landerbegani,
Compagnone fu Giacomino Compagnoni Schene,
Nicol˛ fu Francesco olim Nicol˛ Tonii Donati Landerbegani, tutti di Cepina.

S. N.
Gio. Battista fu Mr. Gottardo Tirognini Romani di Bormio.